Uno studio suggerisce che quando le coppie si muovono per motivi di lavoro, di solito è per il bene della carriera del marito. Spesso ciò fa male alle ambizioni di lavoro della moglie e alla sua busta paga. Ed è tipicamente un problema del matrimonio.

Alcuni studiosi suggeriscono il fenomeno “trailing coniuge” si basa su ruoli di genere tradizionalmente accettati, in cui la carriera del marito ha la priorità. Altri concludono che avviene per motivi pratici che hanno a che fare con un maggior potenziale di guadagno dell’uomo. E’ il suo lavoro che porterà a maggiori guadagni nel reddito delle famiglie, quindi è il suo lavoro che ha la precedenza, o  almeno questo è il modo in cui il pensiero comune va.

Ora arriva la ricerca che prende le cose una diversa angolazione.

Lo studio, recentemente pubblicato sulla rivista Demography, non contesta la tendenza a muoversi per la carriera di un marito, magari sotto la guida di un consulente di carriera.

Piuttosto, il nuovo studio mette in discussione le ragioni dietro la mossa. Il grande take-away: le donne entrano professioni che rendono facile lavorare da ovunque, e spostarsi, per qualsiasi motivo, anche per il coniuge. Gli uomini scelgono carriere in campi che sono geograficamente limitati. In altre parole, gli uomini devono muoversi per spostarsi verso l’alto.

Alan Benson, autore dello studio e assistente professore presso l’Università del Minnesota, ha analizzato i dati del censimento sui posti di lavoro e di genere. Le sue scoperte dimostrano che i posti di lavoro geograficamente più “chiusi” sono dominati dagli uomini, mentre i lavori che richiedono meno territorialità sono dominati dalle donne.

La tendenza per gli uomini di muoversi più spesso delle donne è completamente spiegato dai tipi di posti di lavoro, che siano uomini o donne”, ha detto Benson in un’intervista. “Gli uomini che entrano nei lavori dominati dalle donne tendono a non muoversi tanto per il lavoro. Se si guarda a donne che entrano in posti di lavoro a predominanza maschile, tendono a muoversi molto “.

E se si guarda alle donne che non sono sposate, hanno una minor tendenza a trasferirsi per un lavoro rispetto agli uomini.

Tutto questo solleva una domanda intrigante. Perché le donne gravitano verso certi lavori, mentre gli uomini non lo fanno?

Può avere a che fare con le aspettative di carriera e familiari che si formano presto nella vita. Se uno è convinto che generalmente le famiglie potranno mettere al primo posto la carriera del marito, allora forse questo costringe le donne a scegliere determinati tipi di posti di lavoro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *