L’acqua della rete idrica contiene sempre una determinata quantità di calcio e magnesio che la rende calcarea e quando questi sali minerali sono presenti in maggiori quantità, possono provocare notevoli danni a sistemi idraulici, caldaie ed elettrodomestici in genere. Le incrostazioni calcaree portano ad un ostacolo nello scambio termico e di conseguenza ad uno spreco energetico quando non ad una rapida occlusione delle tubature. Si può rendere l’acqua più dolce grazie all’ausilio di un addolcitore acqua domestica. E’ caratterizzato in una serie di filtri costituiti da particolari resine nelle quali avviene lo scambio ionico tra calcio e sodio.

L’installazione di un addolcitore ti permette di prevenire le conseguenze di una mancata manutenzione e gli effetti usuranti del calcare sull’impianto idraulico. L’addolcitore classico è detto a scambio ionico perché le resine presenti nel serbatoio trattengono gli ioni di calcio e magnesio, causa della durezza e della formazione di calcare, e li sostituiscono con ioni di sodio. I vantaggi che si ottengono con l’installazione di un addolcitore acqua riguardano anche le dimensioni e il risparmio di energia elettrica. L’acquisto dell’addolcitore deve essere considerato come una spesa per un dispositivo destinato a durare nel tempo, e che garantisce salute e benessere, oltre a risultati estetici di evidente brillantezza e cromatura.

L’acqua addolcita è sicura e buona da bere, ma non sono solo questi i vantaggi che porta l’installazione di un addolcitore. Non rovina le serpentine degli elettrodomestici, aiuta a usare meno detergente e consente di usare lavaggi brevi. Il bucato risulta più morbido e pulito e piatti e stoviglie più lucenti. Ecco perché l’acqua addolcita trova sempre più applicazioni in aree estremamente varie come abitazioni, lavanderie, ospedali, alberghi, ristoranti, industrie, ecc. L’acqua addolcita permette un effettivo risparmio di denaro per l’acquisto dei prodotti per la pulizia e alle spese di manutenzione e riparazione degli impianti e degli elettrodomestici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *